Most Popular


Best PHP Training Institute in Ahmedabad
We are Corextrime, India's superlative PHP coaching institute that has the simplest PHP trainers near Easter India, the city as ... ...



Migranti, ecco l'ultimo trucco per farsi mantenere i figli dall'Italia

Rated: , 0 Comments
Total hits: 1
Posted on: 09/11/19
La legge parla, o parlerebbe, chiaro. Senza eccezioni: per migrante minore non accompagnato (Msna) si intende un minorenne senza cittadinanza italiana che si trova in italia "privo di assistenza e di rappresentanza da parte dei genitori o di altri adulti". Tradotto: dovrebbe essere solo. Nessun contatto, nessun familiare. Alcune volte è così, come nel caso di chi sbarca a Lampedusa. Ma non sempre. Da qualche tempo, infatti, si sta sviluppando una rotta segreta che porta giovani albanesi e kosovari nel Belpaese. Arrivano legalmente, si fingono "non accompagnati" e vengono accolti (a nostre spese) nelle strutture per minori."Conoscono questo sistema e lo sfruttano per garantirsi l'istruzione 'a gratis'. Mentre noi mandiamo i nostri figli a fare i master in Inghilterra, i loro genitori li inviano in Italia a fare un po' formazione professionale senza spendere un euro". A parlare è una fonte che lavora per Comune di Firenze nell'ambito dei servizi sociali. Conosce bene i dettagli e le magagne di un sistema che drena ogni anno milioni di euro dalle casse statali e comunali. "Se avvenisse tutto in modo regolare e preciso, su 10 minori accolti a Firenze ne rimarrebbero solo 3 o 4". Gli altri sfruttano le falle dell'accoglienza.L'Italia garantisce vitto, alloggio e percorsi di integrazione a 7.580 migranti sotto la soglia della maggiore età. Di questi, la maggioranza arriva proprio da Albania e Kosovo. Parliamo di 2.021 persone, ovvero il 25,6% degli Msna censiti nel territorio nazionale. Solo a Firenze sono 270.Lo schema è collaudato e in pochi approdano superando il confine illegalmente. "Arrivano accompagnati dai genitori, alcuni pure comodamente in aereo - spiega la fonte - Oppure vengono consegnati con una procura all'autista di un bus diretto nel Belpaese". In generale, per raggiungere l'Italia hanno bisogno "dell'invito" di un parente o amico che abita qui. Si tratta di una documento in cui uno straniero legalmente residente "dichiara di voler ospitare" il minore, di farsi carico delle "spese di sostentamento", di aver "stipulato a suo nome un'assicurazione sanitaria" e di aver messo a disposizione una fideiussione bancaria. Con questo foglio in mano, un minore albanese può entrare tranquillamente. Alla scadenza del visto dovrebbe tornare a casa, però "poco prima del termine appallottola il documento, si presenta alla polizia e dichiara di essere un minore non accompagnato". Di quel foglio non resta traccia, "perché non viene registrato". E così inizia la festa.[[video 1748825]]È curioso che, mentre i minori gambiani, senegalesi e nigeriani vengono rintracciati sul territorio e segnalati ai servizi, i kosovari e albanesi invece si presentano loro stessi alle forze di polizia. A certificare il giochetto ci sono i racconti che i migranti fanno nelle interviste con i servizi sociali. IlGiornale.it è in grado di mostrare alcuni documenti del Comune di Firenze (modificheremo i nomi per tutelare la privacy). Agapi, per esempio, è albanese ed è sbarcato a Bari con una conoscente. Per farlo avrà avuto i documenti e un foglio di ingresso. Poi "è stato ospitato per qualche giorno a Grosseto" prima di spostarsi a Firenze per finire in carico al Comune. Non era tecnicamente "non accompagnato", ma lo è diventato e ora lo ospitiamo a nostre spese.Lenard, invece, dall'Albania è arrivato a Firenze direttamente "con il padre" viaggiando in aereo. Il babbo è rimasto in Italia "per una settimana", poi è tornato lasciando il figlio con lo zio che "vive e lavora da molti anni" nel Belpaese. Neppure il nonno, qualche tempo dopo, se lo è riportato indietro e così Lenard ha messo radici in Italia nell'appartamento dello zio. Poi "si è allontanato" e "si è presentato alle forze dell'ordine, sapendo già che sarebbe stato preso in carico dal Servizio Sociale".Alcune domande sorgono allora spontanee: perché nessuno verifica se il minore è davvero "non accompagnato"? Perché non si tiene un registro dei documenti di invito? Perché non si obbligano i parenti a farsi carico dei minorenni? Perché nessuno si accorge del fatto che i papà accompagnano i figli in Italia e poi ripartono da soli?Il sistema fa acqua da tutte le parti. I minorenni albanesi e kosovari, dice una operatrice, "sanno benissimo di doversi dichiarare non accompagnati per ottenere l'accoglienza: è un escamotage per poter chiedere in futuro la conversione del permesso di soggiorno". In tanti fanno così. "La comunità albanese e kosovara è molto presente sul territorio toscano - spiega la fonte - I ragazzini vantano numerosi contatti che si impegnano per aiutarli", ma che si guardano bene dal farsene legalmente carico. Tanto ci pensano i servizi sociali.Karim ci confessa il modus operandi: "Una volta arrivato a Firenze sono andato da mio cugino. Ma lui non poteva tenermi con sé perché ha problemi economici". Così si è presentato dalla polizia italiana dichiarandosi solo e nessuno ha verificato la presenza di parenti in Italia. "I poliziotti non mi hanno chiesto nulla - confessa Karim - o, se lo hanno fatto, io non ho capito". Risultato: ora è ospite di una struttura di accoglienza a nostre spese. Per la gioia del portafoglio del cugino.




>>



Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment


Login


Username:
Password:

forgotten password?